Pensieri in libertà

 

Il mondo piange Ayrton Senna

Te ne sei andato così,
come sei nato e
come sei vissuto.
In un lampo.
In una freccia scoccata
con rabbia e solitudine.
Era una calda domenica
quando la morte
ha bussato alla tua porta,
ed un grigio muro di cemento
è stato il tuo angelo.
Un triste angelo,
impetuoso,
violento,
ora scalfito dal tuo schianto.
C'è stato un ultimo rombo,
e poi il nulla,
il vuoto.
Un corpo esamine era lì
stazionato dalla velocità
dalla sua passione.
Un amore per l'emozione
e per l'ebrezza che era
sinonimo di VICTORIA.
E' bastato un attimo
e una curva
si è trasformata il tomba.
Una tomba,solo materiale
perchè il tuo ricordo
ti accompagnerà
per L'ETERNO.

LIZ(laiza@virgilio.it)

 

Home

Pensieri in libertà