Pensieri in libertà

 

22 anni

Ho amato Senna da quando avevo 13 anni (oggi sono un trentacinquenne) il mio ricordo di lui resta indelebile, rispetto a tanti ragazzi mi sento un fortunato perchè ho potuto assistere alle sue imprese fin dagli inizi della carriera di Ayrton, si non ero tifoso Ferrari, iniziai a tifare Senna perchè mi piaceva il suo casco giallo in quella bella lotus di colore nero, era quasi una sfida o una ripicca (chiamala come ti pare)contro mio fratello tifosissimo Ferrari. Crescendo ho cominciato ad appassionarmi a quel ragazzo che corsa dopo corsa aveva il potere di incollarmi alla TV, ho vissuto le sue gioie, le sue sconfitte, il suo essere un uomo fuori dal comune, ho cominciato ad apprezzarlo come persona e come pilota, quando Ayrton vinceva mi dava delle emozioni indescrivibili era come se vincessi io, ancora oggi quando rivedo qualcosa delle sue imprese mi vengono le lacrime agli occhi. Avrei fiumi di parole da raccontare, ma dovrei pubblicare un libro e non una semplice lettera e so che questo è improponibile. In breve ti dico, sono passati 13 anni dalla sua scomparsa ma lui è rimasto vivo in me, vive nelle sue parole, vive nelle imprese che ha realizzato, vive per ciò che mi ha insegnato su come si diventa campioni a 360°. Il primo Maggio del 1994 (avevo 23 anni) piansi come un bambino, era come se avessi perso un fratello, da quel giorno la formula 1 l'ho seguita molto sporadicamente, quella magia, quelle emozioni che lui mi aveva dato sono morte per sempre insieme a lui, nessuno ha potuto sostiuirlo e credo potrà mai farlo. Ancora adesso quando penso ad Ayrton mi commuovo, non lo dimenticherò mai. Oggi ho un figlio di nome Flavio (avrei voluto mettergli Ayrton, come secondo nome almeno, ma mia moglie me lo ha proibito) spero che un giorno quando crescerà possa apprendere da me tutto ciò che io ho appreso da Ayrton per essere sempre vincente nella vita e magari vivere quelle meravigliose emozioni che quel maledetto primo maggio del 1994 mi sono state strappate da un crudele destino.

Danilo

 

Home

Pensieri in libertà