Pensieri in libertÓ

 

Ayrton Senna Da Silva

Ogni volta che ti penso...le mani iniziano a tremare....le lacrime scendono in rapida successione...l'una dopo l'altra...sono passati quasi 14 anni da quel maledetto giorno...Fosse per me...lo toglierei dal calendario..o forse no...sai...avevo 9 anni quel giorno...avevo appena iniziato a seguire la formula uno..il primo gran premio fu Donington Park '93..Memorabile...Vedevo tutte quelle strane macchine...sotto il nubifragio piu' totale...tutte lentissime...a parte una...la tua...quell'unica macchina,bianca e rossa che pareva anzi che era un missile..Tra due ali d'acqua si innalzava il tuo talento puro e cristallino...E taceva tutti gli altri piloti che tentavano invano di restarti in scia...senza riuscirci...attoniti..impotenti...tu volavi sotto l'acqua...loro annaspavano...e io chiesi...ma papÓ...perchŔ la macchina bianca e rossa va piu' veloce di tutti ? e lui mi rispose soltanto..PerchŔ la guida Senna.

Ecco...quella breve ma intensa frase mi basto' per capire chi era il migliore.

Il mio piu' grande rimpianto Ŕ non essere nato 10 anni prima...per poter capire i tuoi trionfi mondiali, ma forse il destino ha voluto cosi...Quel maledetto giorno..arrivai in casa...accesi la tv...e vidi la Williams n░2 distrutta. e capii...scoppiai in lacrime. piansi per ore...alternando pianti a preghiere...ma non servi a nulla..alle 18.40 quel maledetto bollettino lasci˛ solo le lacrime..E le lacrime aumentarono...piansi fino al mattino..senza chiudere occhio...

E poi mi venne in mente...che tu quel gp non lo volevi correre..dopo la morte di Roland....ChissÓ che spettacolo sulle piste del paradiso...chissÓ che duelli tra te, gilles e didier...e tanti altri...

Ti faccio una promessa. Se mai avro' un figlio...lo chiamero' come te...Ayrton.

Ciao Campione. Ti voglio bene. Mi manchi.

Roberto

 

Home

Pensieri in libertÓ