Pensieri in libertà

 

Ayrton

Ho sognato Ayrton la scorsa notte. l' ho visto mentre si allontanava da casa mia, con la sua tuta rossa e il suo casco giallo e verde... e così con il cuore e l'anima piena di tristezza mi sono alzata oggi e ho iniziato a vagare nella rete alla ricerca di Lui...e sono approdata nel tuo sito...da quando è volato via, non ho più guardato la F1...e dire che in autodromo a Monza ci andavo da quando, ancora piccola, mio padre mi ci portava...non l'ho più guardata, se non in sporadiche occasioni...solo nel 2004 ho trovato la forza di andare a Imola...era il decimo anniversario della Sua scomparsa. e con tutto il coraggio di cui disponevo sono andata. sapevo che sarebbe stata dura. ma dovevo andare a renderGli omaggio. ho visto Gerard girare sulla Lotus di Ayrton. ho pianto. ma il GP non l'ho visto. aspettavo solo che finisse per poter andare là. in quella curva maledetta. la curva che ce lo ha portato via per sempre. così come se fosse un percorso che mi potesse liberare dalla tristezza, dal dolore, dal quel vuoto dentro, da quel groppo in gola che di tanto in tanto riaffiora, al mattino, quando arrivo in ufficio e Ayrton è là, sul muro, con quegli occhi determinati, pensierosi e lontani, che mi guarda. sono rimasta davanti a quel muro per un pò. non so quanto. e come un'automa mi sono diretta al museo di Ayrton. un'altro percorso di catarsi. le lacrime lavano via il dolore. pensavo. ma mi sbagliavo. lì, pochi passi fuori dal museo, alzo lo sguardo e il mio cuore si ferma. il sangue non scorre più. guardo questo ragazzo...e vedo Ayrton. era Bruno. Suo nipote. e risprofondo immediatamente nell' angoscia. oggi. a distanza di più di 14 anni... che dire? che ancora quel dolore non è superato. che ancora io non riesco a guardare un GP di F1, che ancora io non riesco a guardare le immagini di quel maledetto giorno. non riesco. e mi chiedo. come è possibile non riuscire a superare la scomparsa di un uomo che nemmeno si conosceva? come si può piangere ancora? però mi guardo intorno, e leggo commenti di persone che, come me, Lo hanno amato e ancora Lo amano e mi sento un pò meno sola. e mi consola la consapevolezza che Ayrton da lassù ci guarda e ci sorride dolcemente.ne sono certa.

Luana

 

Home

Pensieri in libertà