Pensieri in libertà

 

Una calda domenica di maggio...

...eravamo alla "Tosa"; ricordo il "dritto" anormale, lo schianto, il "gesto dell'ombrello" da parte del pubblico (Senna era uscito e dietro c'erano un certo Schumacher e poi BERGER su Ferrari...!). Come d'istinto, capii subito che si trattava di un grave incidente (non so come!) e balzai in piedi ed urlai: " è Senna!". Poi i soccorsi, i medici ed infine il "118". Sul circuito calò un silenzio irreale; alla Tosa nessuno più parlava, si sentivano le foglie, mosse dal leggero vento. Vedemmo Ayrton disteso a terra, i piedi divaricati, il prodigarsi dei medici...Poi l'elicottero si levò in cielo; a questo punto partì un grande applauso da parte del pubblico. Tutto ricominciò, ma noi, senza sapere ancora la triste notizia, uscimmo dal circuito prima della fine del GP.
Sapemmo la notizia all'area di servizio di Fiorenzuola d'Arda. Ricordo infine, in coda al casello di Villanova d'Asti, si affiancò una coppia in macchina e capendo che tornavamo dal GP di San Marino, lui abbassando il finestrino ci chiese notizie di Senna...: Lei scoppiò in pianto.

Silvia & Alby'65

 

Home

Pensieri in libertà