Pensieri in libertà

 

Grazie Magic!

Ciao MAGIC, spero che da qualche parte, lassù in cielo, TI possa arrivare questa mia dedica. Dieci anni sono passati, da quel maledetto 1° maggio 1994 in cui TE ne sei volato via; allora io avevo solo sette anni ed ero inconsapevole del vuoto incolmabile che avevi lasciato in tutti noi, di quello che tutto il mondo aveva perso:TU. Ricordo che quel giorno mio fratello faceva la prima comunione, e ricordo (confusamente, vista l'età) che sentii parlare della TUA tragica morte nei giorni e negli anni successivi, ma non potevo capire, non avevo la possibilità di capire il mito che ERI, che SEI tuttora e che SEI destinato ad essere per sempre. Eccomi qui, dieci anni dopo che ci hai lasciati. Recentemente, il 1° maggio di quest'anno, mi è capitato di vedere una puntata di "SKY Racconta", programma condotto da Darwin Pastorin, in onore del decennale dalla TUA scomparsa, intitolata "Ayrton Senna-L'IMMORTALE". Grazie al bellissimo film sulla TUA vita, curato da Oscar Orefici, ho avuto la possibilità finalmente di conoscerTI meglio. In seguito, ho letto il bellissimo libro di Beppe Donazzan "Senna vive" il quale ricostruisce i TUOI ultimi giorni, e racconta dieci anni di formula uno senza di TE. Questo libro è stato importantissimo per me, perché leggendolo ho capito tutto; ho capito ciò che SEI stato per la tua generazione e ciò che ancora SEI per la mia, le emozioni che le hai regalato, e ho capito quanto TU sia stato l'orgoglio ed il simbolo del TUO amato Brasile, ma soprattutto ho capito quanto questa Formula 1 odierna così tecnica, sia macabra e manchi dei TUOI immensi duelli con Prost, Mansell, Piquet, ma soprattutto manchi di PILOTI VERI, di uomini carismatici come lo eri TU, di uomini che non hanno paura di esporre le proprie idee come TU hai sempre fatto, contro tutto e tutti, di uomini che oltre a pensare alla notorietà si guardino intorno e prendano atto della realtà che li circonda. La Formula 1 oggi non è più fatta di piloti, ma di robot, degli squallidi robot programmati dagli sponsor e dalle scuderie solo per fare il proprio dovere, e per evitare le folle. Di questi robot, gli esempi più attendibili sono Raikkonen, il quale non parla mai, e (ahimè, ma lo devo ammettere nonostante sia tifoso della Rossa) Michael Schumacher, il quale resterà il pilota più vincente di sempre, ma MAI il più grande. Dal giorno in cui ho concluso la lettura del libro, TI penso sempre, da allora anche un piccolo attimo di ogni mia giornata è stato dedicato a TE, e alla bellissima frase, la più bella dell'intero libro, che TI racconta e racconta l'affetto della gente per TE:"La TUA Williams con le scintille, impressa prima che imbocchi il tamburello, non sarà mai una cometa". Oltre al pensiero fisso per TE, da quel giorno in me è nato il rimpianto, il rimpianto di non aver potuto essere spettatore delle TUE fantastiche gesta, delle TUE epiche imprese, delle TUE inarrivabili vittorie. Negli anni in cui costruivi la TUA splendida carriera automobilistica, ero troppo piccolo per ammirarTI e gioire dei TUOI splendidi trionfi; ma nonostante questo, e nonostante TI abbia conosciuto solo dieci anni dopo il TUO volo in Paradiso, resterai sempre il mio idolo, per quello che hai dato in pista, ma soprattutto per gli insegnamenti di grande valore umano che ci hai conferito e che hanno fatto di TE un grande uomo, prima che un grande pilota. Oggi, giuro a me stesso di venirTI a trovare un giorno a Imola, in quel maledetto tamburello dove TE ne sei andato, e anche a San Paolo, la TUA San Paolo dove riposi in pace a Morumbi. Non TI dimenticherò mai Ayrton, e mai dimenticherò queste TUE stupende parole che mi accompagneranno in ogni istante della mia vita:"Chiunque voi siate, appartenenti al più alto o al più basso rango sociale, e qualunque cosa facciate, quello che vi dico è di farlo sempre con molto amore, e molta fede in Dio". Per tutto questo, GRAZIE MAGIC! La TUA Williams con le scintille, impressa prima che imbocchi il tamburello, non sarà mai una cometa. SEI IL PIU' GRANDE

Diego Mallone(andrea.diego@tin.it)

 

Home

Pensieri in libertà